"The future is already here, it’s just not very even distributed."
Wiliam Gibson

Che il tema dell’Intelligenza Artificiale e dell’Industria 4.0 sia uno dei più caldi di questo 2018 è, ormai, un dato di fatto. Ne abbiamo già parlato ampiamente nel precedente articolo “Intelligenza Artificiale: dobbiamo davvero averne paura?”. Basta fare un rapido giro sul Web per potersi imbattere in un’infinità di articoli, di ogni genere, sull'argomento.

Ma a noi di ASAP non è bastata la teoria, volevamo toccare con mano, ascoltare attivamente le persone, le aziende e tutti quelli che, in questo momento, stanno puntando sulle nuove tecnologie.

Quale migliore occasione della Technology Hub?

Technology Hub è un evento promosso da Senaf e tenutosi al MiCo - Fieramilanocity lo scorso 17-18-19 Maggio. L’obiettivo di questa fiera è da un lato quello di riuscire a mettere in contatto, in un unico appuntamento, professionisti, imprese e fornitori di nuove tecnologie, dall'altro quello di mostrare al mondo imprenditoriale le loro potenzialità. La fiera è stata organizzata in settori facilmente riconoscibili, tra i quali: Additive Manufactoring, 3D Print, IoT, AR/VR, Robot e Droni.

Noi di ASAP non ci siamo fatti sfuggire questa opportunità e abbiamo pensato di condividere con voi alcune realtà con le quali ci siamo confrontati, sia provando attivamente queste nuove tecnologie sia dialogando con i vari esponenti dei settori.

-LA NOSTRA ESPERIENZA.

Appena entrati all’interno della Fiera ci siamo imbattuti nel padiglione Elettronica e IoT, dove abbiamo avuto modo di conoscere una Startup nata nel 2014 a Ferrara, la Fancy Pixel srl, costituita da cinque giovani ingegneri tutti provenienti dall’Unife. Dopo un interessante confronto, ci hanno gentilmente mostrato il funzionamento della loro “FancyBox”, un dispositivo progettato per rendere compatibili i macchinari con i requisiti Industria 4.0 e che permette di consultare i dati di funzionamento delle macchine in tempo reale e da qualunque postazione grazie a una dashboard fruibile via web o da smartphone e tablet.

Poco più avanti, siamo stati catturati da una strana struttura rossa che, attraverso un sistema di eye tracking, ci ha permesso di rispondere alle domande, presentate su di uno schermo, utilizzando semplicemente i nostri occhi. L’azienda in questione è la SR Labs srl che commercializza queste tecnologie di eye trackingper applicazioni in diversi ambiti, come il marketing/retail ma anche quello medico. Infatti, ci è stato possibile osservare anche il funzionamento di un comunicatore a controllo oculare, realizzato soprattutto per rendere più autonomi i malati di SLA. Attraverso questo strumento, infatti, diventa per loro possibile scrivere messaggi, navigare in internet, accendere e spegnere la luce o la TV e molto altro ancora. Insomma, questo è sicuramente un ambito nel quale le nuove tecnologie possono fare davvero tanto per migliorare le condizioni di salute di molte persone.

Durante il nostro percorso, oltre a visitare i vari padiglioni, abbiamo potuto prendere parte anche a degli interessanti convegni riguardanti diversi temi. Tra i tanti, uno che ci ha colpito particolarmente è quello riguardante la Robotica Collaborativa, anche detta “Cobotica”. Su questo argomento abbiamo potuto confrontarci anche con un collaboratore della Universal Robots, società esperta nel settore, che ci ha mostrato tutti i fattori che trasformano il cobot da macchina di produzione a “utensile intelligente”, in grado di essere usato e “interpretato” dall'operatore di fabbrica in base alle proprie specifiche esigenze e riutilizzato, rapidamente, per altre mansioni senza bisogno di costose installazioni o lunghe sessioni di formazione e programmazione. Un altro aspetto, sempre più centrale, è che questi cobot vengono dotati del "senso del tatto": sensori di forza e capacità di apprendimento (machine learning) li rendono più affidabili dal punto di vista della precisione di movimento, nonché della sicurezza.

Infine, uno dei padiglioni più interessanti tra quelli visitati è sicuramente quello del AR/VR,nel quale è stato possibile conoscere e sperimentare in prima persona la realtà aumentata e virtuale. Noi abbiamo avuto modo di confrontarci con i giovani imprenditori di Netframe e AST 4 srl, due società che propongono l’utilizzo di queste nuove tecnologie nell'ambito industriale e del marketing. Molto affascinante il fatto di poter interagire con una macchina totalmente in maniera virtuale, visualizzandone le componenti in 3D e simulando una loro manipolazione per intervenire su guasti.

Un’ulteriore dimostrazione dell’utilità di queste tecnologie ci è stata data da Anothereality che ci ha spiegato in che modo i visori VR possano essere applicati anche all'interno dell’ambito della Formazione. Inoltre, siamo stati invitati a sperimentare, in prima persona, un loro programma, sviluppato appositamente per la Olivetti, con lo scopo di simulare il processo di installazione di una stampante. Sarà questo il futuro del training?

Insomma, quest'esperienza alla Fiera Technology Hub ci ha permesso di ampliare le nostre conoscenze sul tema delle nuove tecnologie e di viverle a pieno in prima persona.

Noi di ASAP siamo ben felici di poter condividere con voi le nostre impressioni e vi ricordiamo di seguirci per ulteriori approfondimenti.