Qual è il manager di cui le aziende italiane avranno più bisogno nel futuro?

Dai risultati del sondaggio realizzato dall’Osservatorio di “4.Manager”, durante i lavori di Connext, presentati nell’articolo “Gli Innovation Manager faranno la differenza” del Sole 24 Ore, il 97% dei rispondenti ha dichiarato che sarà lui, il Manager dell’Innovazione, la figura manageriale di cui necessiteranno di più nei prossimi anni. E a rispondere sono state 173 persone tra Imprenditori (30% rispondenti) e Manager (70% rispondenti).

 

Innovation Manager: Chi é?

Innovation Manager Chi èA oggi di questo ruolo non sono ancora state delineate le “generalità”. Secondo i risultati della Survey della Digital Transformation Academy, condotta dagli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano, o meglio, secondo i 30 Innovation Manager intervistati, questa figura è/deve essere un:

  • Ricercatore, in grado di selezionare i Partner, valutarli e fare scouting di opportunità, cogliendo e immaginando i trend del futuro. Noi di ASAP aggiungeremmo anche un Esploratore, in grado di cogliere la richiesta di innovazione che arriva sia dall’interno dell’azienda che dall’esterno, ascoltando il mercato e studiando i competitor
  • Evangelista dell’innovazione, in grado di inserire nuove metodologie per favorire il cambiamento culturale esercitando doti di leadership. Noi di ASAP aggiungeremmo anche Ispiratore, Change Manager, Ambassador del cambiamento dentro e fuori l’azienda
  • Abilitatore, in grado di gestire i diversi progetti portati avanti in azienda e valutarne i risultati, interfacciandosi con tutte le divisioni interne

 

 

Innovation Manager: Perché?

Innovation Manager PerchéNegli ultimi anni sono stati già fatti grossi passi in avanti verso l’innovazione, in particolare nel campo industria 4.0, come sottolineano i dati presentati nel 2018 dell’Osservatorio del Politecnico che tratta l’argomento. La crescita è stata sia per quanto riguarda la conoscenza -dove solo il 2,5% delle imprese dichiara di non conoscere il tema mentre a fronte del 40% di due anni fa- sia per l’effettiva realizzazione di progetti 4.0 messi in atto dal 55% del campione. Il mercato industria 4.0 ha quasi raddoppiato in soli tre anni arrivando in Italia nel 2017 a raggiungere un valore compreso fra 2,3 e 2,4 miliardi di euro. Al primo posto delle tecnologie più usate troviamo l’Industrial IoT, che occupa il 60% del mercato, e al secondo l’Industrial Analytics con il 20% del mercato. A seguire il Cloud Manufacturing con il 10% del mercato.

Inoltre l’Osservatorio Industria 4.0 sottolinea come il Piano Nazionale Industria 4.0 abbia dato slancio a questo settore. Su 236 imprese, metà dichiara di aver già usufruito di forme di iper e superammortamento per il rinnovo dei propri asset e una su quattro ha intenzione di farlo a breve. I ricercatori indicano inoltre come la prossima grande sfida per far crescere ancora il mercato sarà coinvolgere le PMI in questo cambiamento, visto che sono le tipologie di aziende più presenti in Italia.

 

Innovation Manager Perché2 

 

Innovation Manager e i Voucher

Innovation Manager VoucherProprio sulle PMI punta l’articolo 19 comma 23 della Legge di Bilancio 2019 prevedendo dei finanziamenti alle stesse.

In particolare dicendo che per i due periodi d’imposta successivi a quello in corso al 31 dicembre 2018, alle micro e piccole imprese, è attribuito un contributo a fondo perduto, nella forma di voucher, per l’acquisto di prestazioni consulenziali di natura specialistica finalizzate a sostenere i processi di trasformazione tecnologica e digitale attraverso le tecnologie abilitanti previste dal Piano nazionale impresa 4.0 e di ammodernamento degli assetti gestionali e organizzativi dell’impresa, compreso l’accesso ai mercati finanziari e dei capitali.

Il valore del voucher è:

  • Per le micro e piccole imprese, pari al 50% dei costi sostenuti ed entro il limite massimo di 40mila euro
  • Per le medie imprese, pari al 30% dei costi sostenuti ed entro il limite massimo di 25mila euro
  • Per le reti di imprese, pari al 50% dei costi sostenuti ed entro un limite massimo complessivo di 80mila euro

Secondo ANIE, la Federazione che rappresenta le imprese elettroniche ed elettrotecniche italiane, l’obiettivo è dotare le PMI di una figura specializzata con il compito di gestire l’innovazione nella pienezza di tutte le regole aziendali, i processi di funzionamento, gli strumenti dedicati e le relazioni diplomatiche che deve costruire.

Le società di consulenza o i manager qualificati dovranno essere iscritti in un elenco istituito dal MiSE con apposito decreto del Ministro dello sviluppo economico, da adottare entro novanta giorni dalla data di entrata in vigore della Legge di Bilancio 2019.

Chi sono questi manager qualificati?

Molto probabilmente i nostri Innovation manager… la Relazione Tecnica del Disegno di Legge di Bilancio, a tal proposito, fa infatti esplicito riferimento ai "manager per l'innovazione".

 

Per concludere…

Quindi se fino a oggi la figura dell’Innovation Manager ha intorno a sé ancora un’aura di mistero, che non ne rende i compiti ben definiti, ben presto non solo potremo avere un suo identikit preciso, ma assistere anche al cambiamento che porterà nelle pmi italiane.

 

 

#staytuned #ASAPsrl #hrlife #hr #growtogether #lepillolediasap #innovationmanager #industria4.0