L’affascinante mondo della Ricerca & Selezione visto da entrambe le prospettive: Recruiter VS Candidato!

Oggi vi proponiamo il quarto “siparietto” relativo al processo di selezione: LA CONVOCAZIONE! 

La fase di convocazione viene spesso percepita come un’attività “segretariale”; in realtà bisogna essere in grado di gestirla al meglio, prestando particolare attenzione a come ci si pone nei confronti dell’interlocutore.

Ecco alcuni suggerimenti e consigli…

La convocazione

 

Suggerimenti per il Recruiter

Fornisci al candidato sempre più disponibilità, in termini di giorni e di fasce orarie, per dargli la possibilità di organizzarsi al meglio per il colloquio.

Va bene essere flessibile, ma se noti che il candidato non lo è altrettanto, puoi dedurre che non è poi così interessato/motivato a sostenere il colloquio!

Una volta concordato l’incontro, manda sempre una  e-mail contenente la conferma del giorno e dell’ora, oltre che l’indirizzo, in quanto il candidato potrebbe non aver la possibilità di prendere nota dei dati o non aver sentito bene (p.e. se in metropolitana).

 

Suggerimenti per il Candidato

È più che legittimo avere altri impegni; se improrogabili (p.e. una visita medica), proponi tu al Recruiter alcune disponibilità, nei limiti della ragionevolezza... risulterai disponibile, proattivo e interessato!

Inoltre, chiedi anche la durata del colloquio, considera sempre un margine di imprevisto e calcola anche il tempo che ti ci vorrà per raggiungere fisicamente il luogo dell'incontro... così facendo potrai pianificare al meglio la tua agenda!

Infine, laddove non ti venisse già proposto dal Recruiter l’invio di una e-mail di conferma, richiedila tu... verba volant, scripta manent!

 

Vuoi scoprire come gestire al meglio la fase che precede il colloquio?

Allora non perderti la pillola di martedì prossimo su "Il (pre) colloquio"!

 

#ASAPsrl #hrlife #hr #growtogether #hiring #recruitment #recruiting #work #job #jobs #career #lepillolediasap